ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

L'ultimo "regalino" del centrodestra? Alla lobby delle armi

Riccardo Bianchi
Fonte: Il Venerdì di Repubblica - 25 novembre 2011

La violenza delle armi leggere Riscrivere le norme sul commercio di armi, senza passare dal Parlamento. Per anni, è stato uno dei chiodi fissi della maggioranza Pdl-Lega: in provincia di Brescia, del resto, c'è la più alta concentrazione di aziende italiane produttrici di armi, e i parlamentari del Carroccio, si sa, sono sensibili al territorio... Così, un favore alla lobby delle armi è arrivato dalla vecchia maggioranza: in extremis, nel documento con cui ogni anno le Camere danno attuazione alla direttive europee. In quel testo, infatti, è finita una disposizione molto particolare: la proposta di far approvare al Parlamento una legge delega che affidi all'esecutivo le nuove regole sulla trasparenza del mercato delle armi.
Certo, ora al governo non c'è più chi ha a lungo caldeggiato la riforma, ma
armi in medio oriente il rischio di una riscrittura delle regole che allenti vincoli e obblighi di trasparenza resta tutto.
La Rete italiana disarmo è preoccupata: "Già le norme in vigore sono a nostro giudizio troppo blande" dice Francesco Vignarca. "Per esempio, noi chiediamo che le compravendite tra Paesi diversi siano soggette ad autorizzazione, così da sapere sempre dove e a chi vanno gli armamenti prodotti". Esiste poi un divieto di vendere agli Stati che violano i diritti umani, anche se già il governo Berlusconi nel 2003 aveva circoscritto la prescrizione al caso di "gravi violazioni", "come se esistessero violazioni dei diritti umani più o meno gravi", rincara la dose Vignarca. Tutte regole che potrebbe scomparire se un esecutivo decidesse di ascoltare la voce delle lobby: "Su un argomento così importante deve essere il Parlamento a dare le linee guida" ribadiscono dalla Rete.
Per quanto sulla carta l'Italia sia all'avanguardia sulla tracciabilità del percorso delle armi, in pratica non è così. Vari report di Amnesty International e dell'Onu dimostrano, anzi, che nostri armamenti sono arrivati anche in dittature come il Sudan. E la Rete punta il dito contro la mancata norma sui trafficanti internazionali: "Non possiamo arrestare un trafficante se non fa passare le armi dall'Italia, e la legge ancora non è stata cambiata". È successo con Leonid Minin, sospettato di aver armato le guerre civili in Liberia e Sierra Leone, dalla cui storia prende spunto il film Lord of War con Nicolas Cage. Fermato nel 2001 a Milano, fu scarcerato perché i suoi armamenti andavano in tutto il mondo, ma senza valicare i nostri confini.

Note: Tratto da "Il venerdì di Repubblica" del 25 novembre 2011

Allegati

  • L'articolo in PDF (503 Kb - Formato pdf)
    Riccardo Bianchi - Fonte: Venerdì di Repubblica
    L'articolo in PDF
    PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale: può essere letto da ogni computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Mac).
.