ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

Finmeccanica-Boeing per elicottero Obama, rinsaldati legami con Usa

Francesca Gerosa
Fonte: MilanoFinanza - 07 giugno 2010

home

Nessun cambiamento nei rapporti tra Finmeccanica e gli Stati Uniti. A ben vedere dopo i due accordi di oggi sembra proprio così. Non solo Boeing otterrà da AgustaWestland la licenza per la produzione dell'AW101, l'elicottero a carico medio con il quale partecipare alla gara per il programma VXX della Marina Americana per i nuovi elicotteri presidenziali. Concorrente sarà il team composto da Sikorsky e Lockheed Martin. Finmeccanica

Ma Finmeccanica ha ricevuto, attraverso Alenia North America, un ordine aggiuntivo per 8 C-27J JCA (joint cargo Aircarft) destinati alla forza aerea Usa, del valore di 319 milioni di dollari. E' previsto che i velivoli vengano consegnati a L-3, partner Usa della società italiana della Difesa, nel corso del 2012.

In parallelo al Congresso Usa è in corso l'approvazione del budget militare statunitense 2011. Questo budget, che è passato al vaglio di una commissione chiave nell'ambito del Congresso, include 351 milioni di dollari per 8 velivoli C-27J aggiuntivi. Con il budget del prossimo anno, il Governo Usa avrà acquistato 29 velivoli C-27J a partire dal 2007, generando 1,16 miliardi di dollari in profitti per Alenia North America.

Difficile quindi pensare, come sottolineato dall'Ad del gruppo, Pier Francesco Guarguaglini, che ci sia la mano americana dietro l'inchiesta in cui è chiamato in causa anche il gruppo italiano. ''Non credo che da parte dell'amministrazione Usa ci siano stati segnali nel senso riportato dai giornali'', ha detto oggi Guarguaglini, ricordando: ''quando sono stato negli Usa, sono stato al Pentagono e sono stato accolto al solito modo. Dal mio punto di vista non c'è stata nessuna differenza''.

E' chiaro, ha precisato, che l'amministrazione Obama punta a programmi meno costosi che possono supportare bene le forze armate. "Questa impostazione facilita Drs e siamo convinti che possa facilitare altre aziende di Finmeccanica, purché riusciamo a fare le giuste alleanze negli Usa e se capiremo la nuova filosofia dell'amministrazione americana'', ha aggiunto il top manager.

In quest'ottica va letto l'accordo di oggi tra AgustaWestland e Boeing Company per il programma elicotteristico presidenziale statunitense Marine One della U.S. Navy (VXX). A Boeing sono assegnati i diritti per l'impiego della proprietà intellettuale, dei dati e dei diritti di produzione AgustaWestland al fine di procedere all'integrazione dell'elicottero AgustaWestland AW101 in un prodotto Boeing per il programma VXX.

La controllata di Finmeccanica avrà un ruolo nello sviluppo del programma e una significativa quota di progettazione e produzione. ''Finmeccanica e Boeing vantano quarant'anni di proficua collaborazione'', ha commentato Guarguaglini. ''Abbiamo valutato con attenzione la situazione e abbiamo infine compiuto la scelta strategica di cooperare con Boeing poiché si tratta della migliore soluzione per la gara VXX".

L'accordo con Boeing conferma quindi la capacità di AgustaWestland e Finmeccanica, e dell'AW101 in particolare, di competere sul mercato americano. L'AW101 è un elicottero medio con 3 motori, adatto all'impiego in zone di combattimento e ampiamente utilizzato in Bosnia, Iraq e Afghanistan. Più di 150 unità sono attualmente in servizio in 5 eserciti di paesi NATO nonché presso le forze armate giapponesi.

Se il Boeing 101 dovesse essere selezionato per il VXX, Boeing sarà il prime contractor che progetterà, costruirà e consegnerà l'aeromobile. La precedente gara per il VH71 era stata aggiudicata nel gennaio 2005 al consorzio formato da Finmeccanica (attraverso AgustaWestland) e Lockeed Martin, ma era stata annullata dall'amministrazione Obama a causa dell'aumento dei costi, praticamente raddoppiati da 6 a 13 miliardi di dollari dopo le modifiche chieste dalla Marina Usa.

Ora, quello che fa ben sperare Finmeccanica da una parte è la nuova configurazione del team, il nuovo tipo di accordo che, diversamente da quello con Lokheed Martin che era un team congiunto, parallelo, prevede oggi un unico responsabile a tutto tondo, Boeing appunto, un elicotterista affidabile e conosciuto, che dà maggiori garanzie al cliente di ottenere risultati e gestire eventuali problematiche di programma.

Dall'altra la convenienza del mezzo, l'AugustaWestland 101, che è una macchina semplificata. Proprio quest'ultimo aspetto, ovvero il fatto di aver già realizzato durante la gara precedente una nuova configurazione della macchina, consente a Finmeccanica di avere ''tutte le possibilità di ri-tarare la macchina a seconda delle esigenze. Il nostro vantaggio è la flessibilità''.

Insomma, la logica dell'accordo è che Boeing per svolgere un ruolo di responsabilità a tutto tondo, diventerà responsabile della macchina, ma non è detto che si costruirà tutto negli Usa. E' probabile, ad esempio, il contributo di Drs per la parte elettronica. Proprio con Drs Technologies Boeing ha siglato oggi un accordo sul programma per il NewGen Tanker, velivolo multi-missione a fusoliera larga in grado di soddisfare le esigenze dell'Aviazione Usa in termini di trasporto di carburante, merci, passeggeri e pazienti.

Drs collaborerà con Boeing al design della console e si occuperá della produzione della Aerial Refueling Operator Station, nota anche come Aros, qualora Boeing riceva la commessa dall'Aviazione militare statunitense. Drs progetterà inoltre l'interconnessione e i cablaggi necessari ad integrare l'Aros nel Tanker.

Nulla di definito, invece, sulle ricadute industriali per Finmeccanica dalla possibile vittoria della gara per il programma VXX della Marina Americana per i nuovi elicotteri presidenziali: ''una volta fatta l'offerta, verrà fatta la lista dei sottofornitori. Dipenderà dai requisiti richiesti''.

L'unica certezza, il numero degli aeromobili che dovrebbe essere lo stesso della gara precedente, 23-28 veicoli. A piazza Affari il titolo Finmeccanica sale dello 0,92% a quota 8,76 euro, dopo aver raggiunto un massimo intraday a 8,885 euro, mentre a Wall Street Boeing segna un +0,36% a 61,45 euro.

Note: Articolo al link http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=201006071600567945&chkAgenzie=TMFI&sez=notfound&testo=finmeccanica&titolo=Finmeccanica-Boeing%20per%20elicottero%20Obama,%20rinsaldati%20legami%20con%20Usa
.