ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

Eurocopter, salta affare da 600 milioni di dollari con l'India

Voci su pressioni Usa contro l'accordo
Fonte: AvioNews - 07 dicembre 2007

Il premier indiano Manmohan Singh lo aveva annunciato: "Maggiori diventano i nostri acquisti nel campo degli armamenti, più dobbiamo sfruttarli per i nostri scopi politici e diplomatici". Detto, fatto. Sembra infatti che dietro l'annullamento della gara per la fornitura di 197 elicotteri da ricognizione, vinta in precedenza da Eurocopter, ci siano motivazioni politiche.
NH90
L'annuncio è stato dato oggi da un portavoce del ministero della difesa indiano, che ha parlato di "Irregolarità" nello svolgimento della gara, che aveva visto nel febbraio di quest'anno l'Eurocopter, aeromobile prodotto da una società figlia del consorzio europeo Eads, prevalere sul suo concorrente statunitense prodotto dalla casa Bell. I militari hanno motivato la decisione sostenendo che l'invio della versione civile dell'elicottero, "Écureuil", al posto della versione militare, il "Fennec", abbia trasgredito le regole di gara, annunciando l'indizione di una nuova procedura. Eurocopter ha rigettato le accuse, ricordando che i due mezzi sono identici fatta eccezione per gli armamenti, e che anche la Bell ha presentato alla gara la versione civile del suo elicottero.

In realtà, secondo quanto riferiscono fonti diplomatiche raccolte dalla stampa, pare che il governo statunitense abbia fatto massicce pressioni su quello indiano, affinché riaprisse la gara, per consentire alla Bell di adattare il suo elicottero alle necessità delle forze armate indiane. Non è un mistero che, dopo l'accordo che prevede il sostegno degli Usa al programma nucleare civile indiano, si sia creato un asse politico-strategico Delhi-Washington. Intesa che non mancherà di fare sentire il suo peso anche nella gara annunciata per l'anno prossimo per l'acquisto di 126 aerei da combattimento per l'aeronautica indiana, un affare da dieci miliardi di dollari, che vede contrapposte ancora una volta l'industria aerea e di difesa europea contro quella degli Stati Uniti.

Note: Articolo al link http://www.avionews.it/index.php?corpo=see_news_home.php&news_id=1083206&pagina_chiamante=index.php
.