ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

L'Italia e il commercio internazionale delle armi leggere

Lo speciale di Amisnet
Fonte: Amisnet - 15 aprile 2005

L'Italia è il secondo produttore mondiale di armi leggere e continua a non rispettare la legislazione nazionale e internazionale sull'export verso paesi con situazioni sociali e politiche a rischio. La conferma arriva dai dati di una ricerca realizzata dall'Istituto Di Ricerche Internazionali di Archivio Disarmo, che è anche una risposta all'ampia relazione sull'export armi del 2005 presentata la settimana scorsa dalla presidenza del Consiglio dei ministri. E proprio da oggi le armi leggere del Bel paese saranno in mostra a Brescia in occasione della fiera Exa.

Nell'arco di cinque anni, l'Italia ha esportato armi comuni - come fucili, pistole e munizioni - ed esplosivi per un totale di oltre 1,5 miliardi di euro. Di queste, un'alta percentuale ha raggiunto anche i Paesi con gravi violazioni dei diritti umani o conflitti in corso o sottoposti a embarghi, come Cina, Federazione russa, Israele, Turchia, Malaysia e anche Afghanistan
Questi dati sono contenuti nel volume dal titolo "Le armi del bel paese", che Archivio Disarmo ha presentato il 14 aprile a Roma, nell'ambito della Campagna Controllarms.
Nel corso della presentazione del volume oltre all’autrice, Elisa Lagrasta, sono intervenuti Gabriele Eminente - Direttore della Sezione Italiana di Amnesty International; Maurizio Simoncelli - Archivio Disarmo e docente al Master in Educazione alla Pace dell’Università di Roma Tre; Riccardo Troisi - Pax Christi, Rete Lilliput e membro della Campagna Controlarms.

Durante la conferenza stampa sono stati commentati anche i dati della relazione 2005 dell'export di armi presentata dalla presidenza del Consiglio in cui si esprime anche preoccupazione per la campagna Banche Armate .

Il 15 Aprile comincia anche la Fiera Exa di Brescia - rassegna di armi leggere, terza al mondo per ampiezza espositiva e presentata come vetrina di armi sportive e dell’outdoor . E la rete italiana per il disarmo ha in programma una serie di azioni, compresa una contro-fiena dal titolo Expa.

Note: Guarda la sezione dedicata su Amisnet, con servizi ed interviste audio

http://amisnet.org/it/2918
.