ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

Anteprima del rapporto di ricerca

Droni militari, proliferazione o controllo?

Fonte: Istituto di Ricerche Archivio Disarmo - Rete Italiana per il Disarmo - 13 aprile 2017

In uno scenario internazionale sul quale si addensano venti di guerra, le possibili soluzioni politiche sono spiazzate dalla rincorsa a risposte militari sempre più letali. Tutte le tecnologie disponibili vengono mobilitate. Dalla minaccia nucleare che prolifera nella Corea del Nord, alle armi chimiche proditoriamente impiegate in Siria cui il governo americano reagisce con i bombardamenti, all'oscura guerra anti-terrorismo effettuata con una nuova arma mortalmente efficace: i velivoli senza pilota, armati con missili, noti come DRONI.

Se ne parlerà mercoledì 19 Aprile a Roma, all’anteprima del rapporto di ricerca DRONI MILITARI, PROLIFERAZIONE O CONTROLLO? realizzato dall’Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo nell’ambito delle iniziative dell’European Forum on Armed Drones e della collaborazione con Rete italiana Disarmo.
Gli esperti si confrontano con i giornalisti e con i parlamentari su un tema emergente: il crescente dispiegamento dei droni militari. Questa nuova arma sta diventando prediletta per i politici e i militari dell’Occidente grazie ai suoi costi, apparentemente ridotti in termini economici e politici (strategia delle “perdite zero”). Tuttavia i droni hanno due nemici i quali, pur non essendo armati, non sono del tutto inermi. Si tratta del diritto e dell’opinione pubblica. Gli interrogativi che l’impiego dei droni pone al diritto internazionale sono molti e complessi, così come sono crescenti le preoccupazioni espresse dalla società civile a livello internazionale.

Interventi di Fabrizio Battistelli e Maurizio Simoncelli (Archivio Disarmo), Francesco Vignarca (Rete Disarmo) e numerosi parlamentari.

La presentazione del Rapporto si terrà mercoledì 19 aprile 2017 ore 11.00 - 13.00, SALA SALVADORI, Camera dei Deputati, Via Uffici del Vicario 21, ROMA

DRONI MILITARI: PROLIFERAZIONE O CONTROLLO?

.