Campagna

Messa al bando delle armi nucleari: da oggi a New York i negoziati decisivi

Inizia oggi alle Nazioni Unite la seconda sessione di negoziati per la stesura ed adozione di un Trattato di messa al bando delle armi nucleari, le uniche armi di distruzione di massa ancora non fuorilegge.
Le valutazioni di Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo, che parteciperanno alle fasi finali del dibattito all'ONU, in questa giornata storica: “miglioriamo il testo del trattato per cancellare dalla storia queste terribili ed inaccettabili armi, che per la loro stessa esistenza indeboliscono le ragioni della pace e della vita”
Fonte: Campagna Senzatomica - Rete Italiana per il Disarmo - 15 giugno 2017

Italia ripensaci - Ban negotiations Oggi 15 giugno prende il via la seconda sessione – per la discussione finale - che si concluderà il 7 luglio: ciò che è a lungo sembrato ed è stato sprezzantemente giudicato impossibile, velleitario, utopistico, irrealistico, sta invece per realizzarsi. Grazie anche, e soprattutto, allo sforzo della società civile di tutto il mondo che da anni supporta la cosiddetta “Iniziativa Umanitaria” (che permea il preambolo della bozza di Trattato) per la totale cancellazione delle armi nucleari.

Il 22 maggio scorso è stata divulgata la prima bozza di Trattato per la messa al bando delle armi nucleari, frutto della prima sessione dei lavori all’Assemblea delle Nazioni Unite (svoltasi nel mese di marzo 2017, alla presenza anche di una delegazione di Senzatomica e Rete Italiana per il Disarmo).

La forza e l’alleanza delle organizzazioni internazionali con oltre 130 stati non-nucleari sta per colmare un vuoto intollerabile, sancendo in questa materia il passaggio dal tabù morale al vero e proprio divieto legale: la bozza di testo presentata sancisce infatti in maniera chiara (nell’articolo 1) il divieto – per gli stati firmatari – di usare, sviluppare, produrre e trasferire armi nucleari. Estremamente significativo è anche l’articolo 2, che stabilisce il divieto di ospitare sul proprio territorio armi nucleari altrui: divieto denso di ricadute per quegli Stati europei – tra cui l’Italia – che ospitano sul proprio territorio ordigni nucleari degli Stati Uniti.

Rete Italiana Disarmo e Senzatomica esprimono pieno sostegno alla bozza di Trattato e saranno presenti, con proprie delegazioni, anche alla seconda sessione dei lavori, per dare il proprio contributo concreto, insieme all’International Campaign to Abolish Nuclear Weapons, alla stesura e approvazione di uno strumento di legislazione internazionale che compenetri alti principi con una forte e fattibile implementazione.

Il testo presentato in bozza dagli Stati partecipanti ai negoziati può infatti essere ulteriormente migliorato, ad esempio inserendo nel preambolo il riferimento all’inaccettabile rischio cui le armi nucleari espongono la popolazione civile nonché una più decisa attenzione al profilo delle risorse enormi destinate agli armamenti nucleari e sottratte allo sviluppo socio-economico delle popolazioni. Tra i divieti generali di cui si parla all’articolo 2 si chiederà l’inserimento del riferimento alla “minaccia d’uso” (oltre all’uso); ulteriore richiesta della società civile sarà quella di rafforzare il generico divieto di fornire assistenza alla produzione di armi nucleari prevedendo un più ampio divieto di assistenza finanziaria e più in generale di finanziamento.

Fungo di speranza Un evento di portata storica sta dunque per compiersi. Deboli appaiono le obiezioni di quanti ritengono inutile un Trattato al quale non partecipano gli stati nucleari e i loro alleati. Certamente lo smantellamento degli arsenali nucleari non può prescindere dal coinvolgimento degli Stati che detengono armi atomiche, e ogni sforzo andrà fatto per coinvolgerli nel rilancio di un processo di disarmo che sarebbe già previsto dalle leggi internazionali (il Trattato di Non Proliferazione) ma che negli ultimi decenni ha vissuto una fase di stallo problematica e pericolosa. Noi lavoreremo affinché tutti colgano la necessità di uno smantellamento delle armi nucleari che sia il più possibile condiviso in un'ottica di sicurezza umana e di coesistenza pacifico e di definitivo superamento dell'assurda logica della deterrenza.

Ma il Trattato che sarà approvato nelle prossime settimane ha molto più che un valore simbolico, come i suoi detrattori affermano. Il Trattato per la messa al bando, infatti, modificherà comunque il quadro giuridico internazionale e imporrà a tutti – anche agli Stati non firmatari – di misurarsi con il nuovo contesto, anche alla luce dell’impatto che il Trattato avrà sull’opinione pubblica. Sarà certamente difficile ed impegnativo, per gli stati non firmatari, spiegare ai propri cittadini e alle proprie cittadine sulla base di quali considerazioni hanno difeso queste terribili e inaccettabili armi di distruzione di massa, mettendo in secondo piano le ragioni della pace e della vita.

Allegati