ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

A Milano il 18 e 19 novembre

Science for peace: un incontro mondiale per la pace

Fonte: Science for Peace - 18 ottobre 2010

Science for Peace è l’ultimo progetto nato su iniziativa del Professore Umberto Veronesi per proporre e attuare soluzioni scientifiche di pace.
Hanno risposto affermativamente all’appello 21 Premi Nobel, scienziati di tutto il mondo e numerose personalità della cultura internazionale.

Il progetto si prefigge di realizzare 2 grandi obiettivi:
1.La diffusione di una cultura di pace
2.La progressiva riduzione degli ordigni nucleari e delle spese militari a favore di maggiori investimenti in ricerca e sviluppo
Logo Science for Peace

Anche Rete Italiana per il Disarmo collabora al progetto, affiancando i gruppi di lavoro per le parti di propria competenza (disarmo, controllo armamenti e spese militari) e segnalando temi e contenuti utili concretamente alla costruzione della Pace. In particolare la Rete, attiva come sponda italiana della campagna Control Arms, è felice di aver favorito anche quest'anno la presenza di Brian Wood (Coordinatore Amnesty International per le attività sul controllo delle armi) che terrà una Lectio Magistralis il primo giorno della conferenza. Si tratta di uno dei padri della proposta di Trattato internazionale sui trasferimenti di armi (ATT) e delle ricerche sul controllo delle armi nel mondo.

In preparazione alla seconda conferenza mondiale il Professor Veronesi ha dichiarato:
"Non è mai troppo tardi per costruire la pace. Molti si chiedono perché, come uomo di scienza, mi stia impegnando per la pace. La risposta è: per continuare a combattere il dolore. Come medico mi sono reso conto che il primo bisogno dell’uomo è l’eliminazione della sofferenza, e come uomo ho vissuto l’esperienza della guerra, toccandone con mano l’orrore e l’insensatezza.
Oggi più che mai trovo assurdo che i governi continuino a investire nella politica degli armamenti anziché in quella del progresso, destinando fondi esigui alla ricerca, alla sanità, all’educazione e alle urgenze sociali. Ecco perché ho dato vita al movimento internazionale Science for Peace che, grazie al contributo di uomini di scienza e di pensiero, propone soluzioni per la creazione di una cultura di non-violenza"

CONFERENZA MONDIALE SCIENCE FOR PEACE – 18 e 19 novembre
Science for Peace prevede lo svolgimento di una Conferenza Mondiale Annuale, organizzata in collaborazione con l'Università Bocconi, in cui scienziati e personalità provenienti da ambiti diversi di fama mondiale si riuniscono per discutere del tema della pace e di possibili soluzioni. Quest’anno l’appuntamento sarà il 18 e 19 novembre 2010 a Milano presso l’Università Bocconi.

GRUPPI DI LAVORO
Per raggiungere questi obiettivi, sono stati costituiti 4 Gruppi di lavoro incaricati di formulare piani operativi per il raggiungimento di specifici obiettivi.

Gruppo 1 -“Scuola e Ricerca”
Il gruppo di lavoro è incaricato di stendere della Carta di Science for Peace, un manifesto scientifico che intende aggiornare e rafforzare i propositi della Carta di Siviglia, diffusa nel 1989 dall’UNESCO.
Nel precedente documento si dichiarava che la prospettiva della pace era possibile poiché la guerra non è una necessità biologica inscritta nella natura umana. A distanza di 21 anni, i dati in possesso della comunità scientifica confermano la debolezza delle determinazioni puramente genetiche ed etologiche della violenza organizzata e attribuiscono all’evoluzione culturale e all’educazione la responsabilità di libere scelte a favore della pace. La carta sarà diffusa nelle scuole e promossa a livello internazionale.

Gruppo 2 – “La scienza al servizio della pace nelle regioni della Terra”
Creazione e attivazione di una task force medica itinerante “Together for Peace”, per fare formazione in ambito oncologico nelle regioni colpite da conflitti o in stato di grave necessità. “Together for Peace” si rivolge a medici di aree particolarmente disagiate, prevedendo borse di studio per la formazione di specialisti e fasi di training in loco e in Italia.

Gruppo 3- “L’Unione Europea: gestione delle crisi e prevenzione dei conflitti”
Analisi degli strumenti e delle capacità dell’Unione Europea nella gestione delle crisi e nella prevenzione dei conflitti attraverso uno studio condotto dall’Istituto Affari Internazionali (IAI) di Roma. La ricerca analizzerà gli sviluppi recenti e gli scenari futuri del modello di sicurezza dell’UE, che è basato su un approccio che va dalla prevenzione delle crisi alla ricostruzione post-conflitto. Lo studio avanzerà una serie di proposte per un coordinamento più stretto tra le diverse componenti – politica e diplomatica, militare e civile - dell’azione dell’Unione Europea per la promozione della pace e della stabilità.
Gruppo 4- “Banche e Società Civile”
Il comitato relativo a questo gruppo di lavoro è impegnato nella stesura di un codice di responsabilità del settore bancario per aumentare la trasparenza nei confronti del finanziamento all’industria delle armi. Successivamente il codice sarà diffuso a livello nazionale ed europeo e verranno attivati i conseguenti meccanismi di controllo.

Note:

Per maggiori informazioni: http://www.fondazioneveronesi.it/pagina.php?id=30&nome=Science%20for%20Peace

La partecipazione è gratuita, previa iscrizione on line - http://www.fondazioneveronesi.it/pagina.php?id=127&nome=conferenza%20mondiale

Scarica il PROGRAMMA della Seconda Conferenza Mondiale - http://www.fondazioneveronesi.it/allegati/ScienceforPeace/Programma_ScienceForPeaceIT.pdf

Scarica la BROCHURE di Science for Peace - http://www.fondazioneveronesi.it/allegati/ScienceforPeace/Brochure_Science_for_Peace_ITA_Web.pdf

.