ControllArmi

ControllArmi

RSS logo

Approfondimenti

Gli obiettivi condivisi per le prime attività della nostra Rete

Carta degli obiettivi e delle attività

Le organizzazioni aderenti alla Rete Italiana per il Disarmo, con la loro sottoscrizione del Protocollo di Intesa, hanno espresso delle finalità generali condivise che devono essere messe in pratica. A questo scopo viene elaborato il presente documento che riassume gli indirizzi scelti per iniziare il percorso, che potranno essere integrati e rielaborati nel corso del tempo in seguito alla discussione ed al confronto interno fra le organizzazioni partecipanti alla Rete
L'interazione delle esperienze dovrebbe integrare sia gli aspetti di ordine politico-strategico sia quelli economico-sociali. La realizzazione dell’obiettivo generale dovrà comprendere sia misure operative (ad esempio: meccanismi di trasparenza, controllo, pressione,…) sia misure strutturali (come la riduzione di armamenti, l'eliminazione di determinate categorie di armi, la ricerca di forme alternative per la prevenzione e trasformazione dei conflitti violenti,…) sia infine azioni di coinvolgimento diffuso e mobilitazione (ad esempio campagne, petizioni, manifestazioni,…)

Obiettivi funzionali (interni) della Rete

a) Facilitare il lancio di campagne su obiettivi politici specifici e importanti
b) Rafforzare la capacità del network di rispondere rapidamente, efficacemente ed in modo coordinato
c) Incentivare la creazione di gruppi di lavoro per sviluppare e coordinare le strategie di sostegno nel medio termine per ciascuna campagna
d) Identificare ed ampliare le risorse finanziarie e umane necessarie per particolari campagne o iniziative

Priorità di lavoro iniziali per la Rete

Sebbene sia poi compito del vari GLT scegliere degli obiettivi particolari, quantificabili e verificabili, e stabilire un’agenda di lavoro per il loro raggiungimento, alcune priorità di lavoro trasversali sono condivise dalla Rete nel suo complesso:

1) Monitoraggio della spesa militare e del commercio di armi
2) Controllo del rispetto dei vincoli all’esportazione di armamenti
3) Rifinanziamento dei fondi per progetti di riconversione (185/90) e altri (raccolta armi, sminamento)
4) Raccordo con le altre iniziative europee ed internazionali in materia di disarmo
5) Stimolo al dibattito politico sul tema del disarmo in Italia
6) Lancio e diffusione di una campagna di informazione sul disarmo
7) Mobilitare l’opinione pubblica nel sostegno alle azioni con lo scopo di influenzare le politiche nazionali ed europee

Resta ovvio che qualsiasi risultato raggiunto da ciascun gruppo di lavoro è importante per la Rete nel suo complesso e costituisce il coronamento degli sforzi che ci hanno consentito di arrivare alla creazione di un luogo stabile di incontro, di elaborazione e di azione su questi temi.

Tematiche di azione

Le tematiche di azione scelte per inaugurare le attività della Rete sono state individuate creando un primo nucleo di Gruppi di Lavoro Tematici, i quali provvederanno a condurre le elaborazioni necessarie e i passi concreti conseguenti atti ad ottenere il raggiungimento degli scopi prefissi.

Le attività proprie dei Gruppi di Lavoro saranno contraddistinte dall’uso di strumenti e metodologie condivise e che dovranno essere praticate continuamente ed in contemporanea:

- studio e ricerca sui diversi temi
- diffusione dei risultati del network ed in particolare degli studi portati avanti al punto precedente
- attività di lobbying e di pressione, ma anche di collaborazione ed informazione, nei confronti delle Istituzioni e del Parlamento in particolare, ed in collaborazione con le reti europee verso il Parlamento Europeo. Per quanto riguarda il Parlamento italiano sarà necessario incentivare la costituzione di un gruppo interparlamentare che possa sostenere gli sforzi della Rete
- utilizzo del sito web
- stimolare attività locali relative ai temi della Rete
- tutti gli strumenti utili al raggiungimento dei nostri obiettivi…

Il presente elenco non costituisce una prescrizione di lavoro per i gruppi, che potranno muoversi con autonomia e creatività verso il raggiungimento dei loro obiettivi specifici, ma un quadro generale di riferimento utile per fornire ai gruppi stessi suggerimenti di lavoro.

Già da alcuni mesi è stato elaborato un prospetto generale di temi che possono essere affrontate dalla Rete. Attualmente, a partire da tali ipotesi tematiche e dalle intenzioni espresse dagli organismi aderenti, sono stati attivati i seguenti gruppi di lavoro (che ovviamente verranno integrati con nuovi gruppi nati dalle intenzioni espresse da appartenenti alla Rete):

1. Gruppo PRODUZIONE
Produzione di armamenti, occupazione e riconversione dell’industria bellica, ricerca, nucleare, spazio e telecomunicazioni, dual use

2. Gruppo ESPORTAZIONE E CONTROLLO
Monitoraggio 185/90, accordi di coproduzione, armi leggere, esportazioni armi italiane

3. Gruppo ECONOMIA
Finanza ed armi, spese militari, debito

4. Gruppo MEDIATORI
Attività dei mediatori nel commercio internazionale delle armi

5. Gruppo ARMI LEGGERE
Elaborazione e lancio di una campagna sul controllo e la regolamentazione delle armi leggere

Allegati

  • PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale che può essere letto da qualunque computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento basta cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Macintosh).
.