Cipsi: «Via tutti gli F-35, i soldi vadano al servizio civile e alla cooperazione»

Alberto Chiara
Fonte: Famiglia Cristiana - 17 febbraio 2012
Un cacciabombardiere F-35 al decollo. Foto Ansa.

«Il taglio da 131 a 90 nell’acquisto dei cacciabombardieri F-35, come annunciato dal ministro della Difesa Di Paola, unitamente alla riduzione di 33.000 posti militari e 10.000 civili nella Difesa italiana, sono segnali positivi ma non ci bastano. Il Governo, in questa situaizone di grave crisi del nostro Paese, non ha giustamente avuto il coraggio di rischiare impegni per la candidatura alle Olimpiadi di Roma, ma non ha neppure il coraggio di dare un taglio netto e completo a inutili spesi per l’acquisto degli F-35. Non ci basta ‘il regalino’ per stare bravi. Un po' di fumo negli occhi, non fermerà la voce di tante associazioni e di quella parte della società civile che si è mobilitata, in queste settimane, per contrastare questa commessa tanto costosa, quanto inutile».
decollo F35
Questo è il commento di Guido Barbera, presidente del Cipsi (Coordinamento iniziative popolari di solidarietà internazionale). “Il risparmio economico che consegue ai tagli previsti dal ministero della Difesa, è sicuramente importante in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo. Ma non è di certo sufficiente di fronte ai sacrifici chiesti dal governo agli italiani! Inoltre, l’economia finanziaria, la necessità di tenere a posto i conti e limitare le spese, non possono esimere il governo e le istituzioni da una riflessione più ampia. L’Italia ripudia la guerra. È scritto nella nostra Costituzione. Ed è alla carta costituzionale che le istituzioni dovrebbero guardare. Per questo, torniamo a chiedere di cancellare completamente l’acquisto degli F-35 e riallocare i soldi previsti in altre spese e attività. Ad esempio, finanziando il servizio civile Barbera Cipsi nazionale per i giovani, o iniziative di cooperazione internazionale e di integrazione sociale per i migranti e le minoranze. O ancora, prevedendo forme di tutela dell’occupazione e del lavoro».

«Prendiamo esempio dalle donne africane. In Liberia, Paese della presidentessa Sirleaf – premio Nobel della Pace 2011 – gli stanziamenti per la difesa sono pari all’1% del PIL. Gli stanziamenti per l’istruzione, sono del 3%!», continua Barbera. «Promuovere un’Italia di pace, credere nei diritti e nella solidarietà significa prendersi la responsabilità di compiere scelte radicali e coerenti con i dettati costituzionali», conclude Barbera. «Scelte che vadano sì nella direzione di un risparmio economico, ma che siano soprattutto indirizzate a nuove politiche centrate sulla pace, l’integrazione, l’equità. Questo è il cambiamento che chiediamo al nostro governo! Questo è il paese che vogliamo e dobbiamo costruire tutti insieme come cittadini sovrani».

Per questo il Cipsi invita tutti a partecipare alle manifestazioni nelle piazze italiane il 25 febbraio, per dire no agli F-35 e si ad una cultura nonviolenta e della pace.

Note:

Articolo originale al link http://www.famigliacristiana.it/volontariato/dossier/dossier/difesa-la-riforma-contestata_160212110820/cipsi-via-tutti-gli-f-35-i-soldi-vadano-al-servizio-civile-e-alla-cooperazione_160212165428.aspx